Opel Astra OPC

Opel Astra: OPC da 280 Cavalli

25/06/2012
2.969 Views
Opel-Astra-OPC-Tre-Quarti

L’Opel Performance Center (OPC) ha realizzato una nuova creatura: la Opel ASTRA OPC, per l’appunto, una berlina con prestazione da auto sportiva di razza.

Il motore è un 2.0 turbo benzina da 280 cavalli (40 cavalli in più della precedente generazione) e 400 Nm di coppi, con consumu di 8,1 litri per 100 Km (ben 1 in meno della precedente versione).
Con questi numeri la Opel Astra OPC è in grado di raggiungere i 100 Km/h in 6 secondi e i 250 Km/h.

Opel-Astra-OPC-Motore

Ovvimente non c’è solo il motore a decretare il carattere sportivo della OPC ma anche numerosi elementi del telaio, decisivi per il miglioramento della dinamica di guida della vettura, come montanti ad alte prestazioni (HiPerStruts) sulla sospensione anteriore, telaio meccatronico FlexRide, differenziale autobloccante a dischi multipli e i freni della Brembo forati trasversalmente e con pinze a 4 pistoncini all’anteriore.

Esteticamente è molto bella. La OPC è riuscita con pochi tocchi a rendere aggressiva e sportiva la Astra e anche all’interno soluzioni come il volante più piccolo e i sedili sportivi (a richiesta) non hanno solo una funzione estetica ma migliorano in tutto e per tutto il feeling con la vettura.

Opel-Astra-OPC-Cruscotto

Una volta a bordo si possono scegliere tre modalità diverse, ognuna delle quali offre un’esperienza unica e specifica di guida ad alte prestazioni. La modalità Standard garantisce prestazioni equilibrate, caratterizzate dal comfort in qualsiasi condizione, per situazioni di guida quotidiane. Basta premere un pulsante e la modalità Sport irrigidisce le sospensioni del telaio, aumenta l’agilità riducendo il rollio e rende lo sterzo più diretto. La modalità OPC porta invece a un’esperienza di guida estrema: lo sterzo diventa ancora più diretto che in modalità Sport, l’acceleratore maggiormente reattivo e il telaio tende a fornire le massime prestazioni.

Se ami le berline sportive la Astra OPC fa al caso tuo. Prestazioni e linea innovativa e dinamica non fin troppo classica come quella di qualche sua concorrente tedesca…

Paolo Morandi

Da sempre amante di motori e web. Le quattro ruote le preferisco classiche piccole, veloci e possibilmente inglesi.


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi