Jeep Renegade Prova

Jeep Renegade: una vera Jeep | Prova

Abbiamo provato la nuova Jeep Renegade, un vero fuoristrada, ottimo per la città e per lunghi viaggi. Versatile e ben fatto.
14/09/2014
15.150 Views
Jeep-Renegade-Prova-33

Jeep Renegade – In una soleggiata giornata settembrina abbiamo assistito alla presentazione del nuovo SUV Compatto di casa Jeep, la Renegade.
La vettura verrà venduta in oltre 100 nazioni ed è il primo progetto completo frutto di una collaborazione, proficua e intensa tra il know how americano e quello italiano su cui la nuova FCA può contare. La progettazione è avvenuta principalmente in america, così come i test (oltre 700.000 estenuanti KM necessari per testare in ogni condizioni la nuova Renegade), la produzione avverrà interamente nel rinnovato stabilimento di Melfi, che avrà anche il compito di produrre la tanto attesa Fiat 500X che della Renegade condivide il telaio.

Grande attenzione è stata messa in fase di sviluppo nel creare un vero fuoristrada compatto in tutto e per tutto in grado di affrontare terreni e situazioni che la concorrenza non è in grado di affrontare, ma senza tralasciare il comfort, l’abitabilità e la storia del marchio. Le linee della nuova Renegade sono una fusione tra la storia e il futuro della casa americana, tra la sportività del Wrangler e l’eleganza del Cherokee, un connubio che crea un design ricco di carattere e di anima “Jeep”. In linea con la tradizione del modello ‘Jeep’ Willys MB del 1941, la nuova Renegade 2015 è in grado di offrire la libertà e il piacere della guida open-air attraverso le due configurazioni di tetto apribile My Sky (disponibili a richiesta).

Jeep-Renegade-Prova-30

La Renegade è disponibile in versione 2 ruote motrici (la più apprezzata nel mercato in questo segmento) che con Trazione integrale ‘Jeep Active Drive’ e ‘Jeep Active Drive Low’, quest’ultimo, grazie ad una rapportatura del cambio specifica e all’abbinamento con Hill Descent Control e funzione “Low”, garantisce un comportamento in off-road che la pone al vertice della sua categoria. Entrambi i sistemi sono in grado di trasferire la coppia necessaria su ogni singola ruota, assicurando la massima aderenza. a nuova Jeep Renegade è inoltre il primo Small SUV a essere dotato del sistema di disconnessione dell’asse posteriore: un dispositivo che consente di ridurre le perdite di energia quando non è necessario utilizzare la modalità 4×4, garantendo così una maggiore efficienza nei consumi.

Sotto il cofano, diverse le motorizzazioni disponibili, benzina e diesel tutte Euro6 con tecnologia Start&Stop, che comprendono il Turbo MultiAir 1.4 con tecnologia da 140 cavalli, il MultiJet II 1.6 litri da 120 cavalli, entrambe disponibili per la due ruote motrici con cambio manuale a 6 rapporti; il MultiJet II 2 litri con Start&Stop da 140 cavalli o da 170 cavalli disponibile per la 4×4 il cambio manuale a sei rapporti è affiancato ad un inedito automatico a 9 marce.

Il Sistema Selec-Terrain Jeep, disponibile nelle versioni a trazione integrale, consente al conducente di scegliere tra le modalità per la guida on-road e off-road quella più adatta ad affrontare una particolare superficie. Il sistema dispone di cinque modalità: Auto, Snow, Sport, Sand/Mud e, aggiunge – esclusivamente sui modelli Trailhawk equipaggiati con sistema Jeep Active Drive Low – la modalità Rock. Per offrire capacità off-road di livello superiore, il Selec-Terrain prevede anche il sistema Selec-Speed Control con Hill-descent Control.

Jeep-Renegade-Prova-17

Più di 70 avanzati sistemi, disponibili a richiesta, garantiscono alla Jeep Renegade 2015 il massimo livello di sicurezza, tra cui i sofisticati sistemi Forward Collision Warning-Plus e LaneSense Departure Warning-Plus, il Blind-Spot Monitoring, il Rear Cross Path detection, la telecamera per la retromarcia ParkView con visualizzazione a griglia dinamica, l’ESC con sistema antiribaltamento elettronico (ERM) e 7 airbag di serie.

La nuova Renegade sarà disponibile in 8 colorazioni diverse, 7 cerchi in lega differenti e molte personalizzazioni realizzate dalla MOPAR. 3 gli allestimenti Longitude, Limited, Trailhawk, oltre alla edizione di lancio, la Opening Edition”, proposta on serie limitata di 1500 pezzi. La TrailHawk migliora le già ottimi doti da fuoristradista delle Renegade, con angoli di attacco, dosso uscita migliori, un’altezza da terra di 20 mm superiore.
Le dimensioni sono lunghezza 423 cm, larghezza 180 cm, altezza 169 cm, passo 257 cm.

Jeep-Renegade-Prova-24

Come va?

Ad un primo sguardo si rimane colpiti dalle forme sicuramente non banali e ricche di richiami alla grande storia della casa americana che da 1941, con la Willys, ha di fatto creato i SUV o detta all’italiana i fuoristrada (quanti di noi usano la parola jeep come sinonimo di fuoristrada?), che probabilmente non piaceranno a tutti. Appena aperta la portiera sono rimasto colpito dallo spazio interno, molto anche per i passeggeri posteriori, e dalla qualità percepita che gratifica gli occhi e il tatto con interni che ti aspetti in una Jeep, ma aggiornati e con uno stile tipico da vettura made in Italy. I materiali sono di ottimo livello.

Faccio i primi Km come passeggero e riesco ad apprezzare quanto la vettura sia silenziosa anche a velocità autostradali oltre ad essere particolarmente luminosa, nonostante la nostra versione con gli interni neri. Arriva il mio turno di guida. Trovare la perfetta posizione di guida è immediato: il sedile è comodo, sostiene senza essere troppo rigido; tutti i comandi sono al loro posto. Alzo lo sguardo e una porzione ben visibile di cofano mi fa subito pensare alle vecchi Wyllis. Partenza. Sull’asfalto l’auto è pronta, frena bene, assorbe buchi dossi ed affronta le curve senza particolari rollii, ma è nel fuoristrada dove da il meglio di se… Affrontiamo un percorso fuoristrada che ci permette di verificare l’auto in diversi terreni dal fango alle rocce, passando da un tratto di strada bianca “classica”.

Jeep-Renegade-Prova-36

La Renegade si comporta sempre bene pronta precisa e scattante, anche lanciata a velocità di circa 90 Km/h la sensazione era quella di essere sull’asfalto con un volante preciso ed un auto estremamente stabile. Ho viaggiato quasi tutto il tempo con il sistema “Select-Terrain Jeep” impostato su “auto” che permette alla Renegade di scegliere come affrontare al meglio i diversi terreni che si affrontano, solo in un ultimo pezzo di sterrato parzialmente sabbioso ho provato a modificare la modalità di guida potendone apprezzare la sensazione di sicurezza che offre. Il motore 2 litri diesel da 140 cavalli è pronto, brillante e parco nei consumi. Il cambio a 6 marce di facile inserimento.

Jeep-Renegade-Prova-40

Onestamente non mi aspettavo di scendere così soddisfatto dalla Renegade. E’ un auto ben realizzata, non banale, che offre tanto al prezzo giusto. Un ottima vettura in grado di testimoniare gli enormi passi in avanti fatti dal gruppo Fiat che spero riuscirà ad avere successo anche in Italia. Il listino prezzi della Rengade parte da 23.500 euro per gli esemplari Longitude e Limited con motore 1.4 benzina da 140 CV per raggiungere i 32.800 euro per il top di gamma Trailhawk 2.0 MultiJet II da 170 CV con cambio automatico a 9 rapporti e trazione 4×4 garantita dall’esclusivo sistema Jeep Active Drive Low.

Un ultimo consiglio. Se avete dubbi, andate a fare un test drive ne verrete conquistati.

Vettura provata: Jeep Renegade 2 litri 140 cavalli con cambio manuale 6 rapporti allestimento Limited color Commando Green.
Voto: 8/10

Vai alla galleria immagini Jeep Renegade

Paolo Morandi

Da sempre amante di motori e web. Le quattro ruote le preferisco classiche piccole, veloci e possibilmente inglesi.


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi