Mostra Maserati 100 Anni Enzo Ferrari

Maserati: al via la mostra per i 100 anni al Museo Enzo Ferrari

Da pochi giorni è aperta la mostra dedicata ai 100 anni della casa col Tridente al Museo Enzo Ferrari. Diverse vetture emblematiche del marchio Maserati saranno visibili fino a Gennaio 2015.
22/06/2014
2.819 Views
mostra-maserati-100-anni-enzo-ferrari-1

Mostra 100 Anni Maserati – All’interno del Museo Enzo Ferrari è stata inaugurata da pochi giorni la mostra dedicati ai cento anni della Maserati. La mostra intitolata: MASERATI 100 – A Century of Pure Italian Luxury Sports Cars ripercorre l’intera storia della casa automobilistica del Tridente, mostrando i modelli stradali e da pista più significativi dei primi 100 anni.

21 le Maserati stabilmente esposte al Museo Enzo Ferrari per tutta la durata della mostra e una trentina in totale quelle che potranno essere ammirate durante i primi sei mesi della mostra, motivazione dettata dal fatto che, circa una decina di vettura cambieranno a rotazione per poter permetterne la partecipazione ai diversi eventi organizzati da Maserati in tutto il mondo per festeggiare il suo primo secolo (Maserati: una storia iniziata cento anni fa). La mostra è stata curata da Adolfo Orsi che si è detto fortunato nel trovare una straordinaria disponibilità da parte dei collezionisti che hanno acconsentito a prestare le loro vetture.

Tra i pezzi forte della mostra ci sono infatti automobili da competizione come la Tipo 26, la prima vettura a fregiarsi del marchio Maserati; e la V4 Sport Zagato, che stabilì il record mondiale di velocità nel 1929 con Baconin Borzacchini, ricarrozzata nel 1934 da Zagato e premiata nel recente Concorso d’Eleganza di Villa d’Este. Non poteva naturalmente mancare la Maserati 250 F vincitrice del Campionato del Mondo di Formula Uno con Juan Manuel Fangio nel 1954 e nel 1957, anno in cui l’asso argentino trionfò dopo una rimonta furiosa nell’epico Gran Premio di Germania sul circuito del Nürburgring. Una formula uno leggendaria, che contribuì a costruire il mito della Casa del Tridente negli anni Cinquanta. Tra le vetture stradali: l’A6 1500 del 1947 carrozzata da Pinin Farina, realizzata partendo da un motore da competizione. Si trattò di un primo tentativo, una sorta di prova generale, che anticipava il futuro della Casa modenese. Facendo un salto temporale in avanti, troviamo esposta la 3500 GT del 1957: la prima vettura granturismo.

In occasione dell’inaugurazione della mostra, il CEO della Maserati Harald Wester ha ricordato che: “Il centenario della Maserati non poteva cadere in un periodo migliore della nostra storia. La Maserati oggi è infatti una azienda in piena salute, con modelli nuovi che hanno incontrato il favore di un pubblico sempre più vasto ed altri, in lavorazione, che porteranno l’azienda a raggiungere i prestigiosi traguardi di vendita che ci siamo prefissi. Questa mostra, che ripercorre il nostro primo secolo di vita,“ ha detto Wester, “è unica nel suo genere: mai in precedenza, infatti, erano state riunite sotto lo stesso tetto tutti quei modelli che hanno fatto la nostra storia.”

mostra-maserati-100-anni-enzo-ferrari-7

L’apertura della mostra per i 100 anni arriva in un momento positivo per la casa che continua a stabilire record di vendite in tutta Europa, dove ha venduto nei primi 5 mesi dell’anno il +391% rispetto al 2014, e nel mondo. Questi numeri sono possibili grazie al rilancio del marchio e dalla creazione di modelli di successo e vincenti come l’affascinante Maserati Ghibli e la Quattroporte da poco disponibili con motore diesel.

Allestita nella avveniristica struttura del Museo Enzo Ferrari, a pochi metri di distanza dalla sede della Maserati in Viale Ciro Menotti, resterà aperta al pubblico fino a gennaio 2015.

Paolo Morandi

Da sempre amante di motori e web. Le quattro ruote le preferisco classiche piccole, veloci e possibilmente inglesi.


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi