Nissan Leaf: I primi taxi elettrici di Italia realizzati con URI

Nissan e URI presentano i primi taxi 100% elettrici d'Italia. Roma si unisce ad altre importanti città al mondo in cui il taxi elettrico è una realtà consolidata.

Nissan-Leaf-TAXI-3570-3

Nissan Leaf – Nissan Italia e Unione Radiotaxi d’Italia hanno presentato ieri i primi taxi 100% elettrici d’Italia, che prenderanno servizio a Roma con la Compagnia 3570.

Anche l’Italia, dopo altre importanti nazioni, apre la strada ai taxi elettrici, veicoli che potrebbero rappresentare la svolta per la mobilità “green” della città. Ad oggi le difficoltà gestionali rimangono, e sono legate principalmente a due problemi: la durata della batteria e la conseguente necessità di punti di ricarica, ma i vantaggi economici gestionali (la gestione di un veicolo elettrico a conti fatti fa risparmiare 1200€ circa l’anno rispetto ad un diesel) e per l’ambiente sono evidenti.

Nissan e 3570 hanno affrontato queste problematiche con un sistema si soluzioni integrato, a partire dalla realizzazione di colonnine di ricarica veloce arrivando ai corsi di formazione per taxisti per una guida attenta, passando dalla creazione di una unità mobile di ricarica rapida (in collaborazione con FCS Mobility), realizzato su base del Nissan NV400 ed in grado di portare le Leaf dal 30 all’80% in soli 15 minuti, ricaricato con i pannelli solari installati nella sede romana di 3570.

Nissan-Leaf-TAXI-3570-16

L’Unione Radiotaxi d’Italia è costituita da oltre 10.000 tassisti distribuiti in 43 tra le più importanti città. 3570 a Roma è la più grande Cooperativa Radiotaxi in Europa: con oltre 3.700 soci e 9 milioni di servizi taxi all’anno, da sempre si contraddistingue per gli investimenti fatti in innovazione e tecnologia. Dal 2012 URI, credendo fermamente nello sviluppo della mobilità sostenibile, con il progetto “Via col Verde” ha investito ingenti risorse in studi, ricerche di mercato, sperimentazioni e formazione, finalizzati ad introdurre l’Eco mobilità e i relativi sistemi e le reti di ricarica nel trasporto pubblico taxi. Secondo gli studi basterebbero 15 colonnine di ricariche rapida CHAdeMO dislocate in punti strategici di Roma per offrire la necessaria copertura alla rete di taxi della città.

Nissan Leaf si integra perfettamente in questo progetto. Già in diverse città al mondo è in “servizio” come taxi ed inoltre è il veicolo elettrico più venduto al mondo in grado di offrire un ottimo confort di viaggio ed una buona autonomia.

“Siamo stati i primi a lanciare la mobilità elettrica con la LEAF su larga scala e siamo ancora i leader dopo oltre 4 anni”, ha affermato Bruno Mattucci, Amministratore Delegato di Nissan Italia. “La nostra gamma si è ampliata di recente con un’offerta elettrica anche per i veicoli commerciali. Stiamo investendo nell’intera filiera produttiva affinché le opportunità della mobilità a zero emissioni possano creare sinergie e efficienze con altre sfere di business, con aziende pubbliche e private. L’intero sistema paese può essere coinvolto in questa sfida sull’abbattimento dei costi e sul beneficio per l’impatto ambientale”.

”Abbiamo sempre creduto – sostiene Loreno Bittarelli, Presidente di URI (Unione dei Radiotaxi d’Italia) e Cooperativa 3570 – nella tecnologia, nell’innovazione e nell’Eco mobilità, perché guardiamo al futuro. Siamo attenti alle nuove esigenze del Cliente, nel rispetto della sostenibilità ambientale e della qualità della vita, evolvendo di conseguenza la cultura e la professionalità del tassista”.

Speriamo che questi pionieri riescano a far cambiare idea a tanti colleghi.