MotoGp Test Quatar 2015

MotoGP Test in Quatar: “La rossa” che spaventa

Sulla pista di Losail si riaccendono i motori della mitiche 4t da competizione. Sotto il sole del deserto qatariano si ritrovano delle conferme e qualche interessante novità regolamentare che, per ora, sembra ravvivare il campionato.
18/03/2015
1.865 Views
MotoGp-Test-Quatar-2015-3

MotoGP test Quatar – Come succede spesso in questa stagione il clima non è sempre favolerevole nella penisola arabica e ci si può trovare ad affrontare degli acquazzoni non da poco. E’ quello che è successo nel day 3 in cui la pioggia incessante ha impedito lo svolgimento della giornata dedicata ai lavori sul ritmo di gara e vari long run.

Il Day 1 è stato ovviamente la giornata dell’assestamento generale e quindi per trarre delle conclusioni dobbiamo basarci sui risultati della seconda giornata. Al termine dei giri a disposizione i risultati parlano chiaro: Marquez non si discute, è sempre lì ma questa volta ad insidiare il giovane spagnolo ci sono le due Ducati di Dovizioso e Iannone. Andrea riesce a girare più velocemente con un crono di 1:54.907. Marquez lo segue con +0.184, mentre Iannone guadagna la terza posizione a +0.197. I tre precedono le due Yamaha di Lorenzo (+0.593) e Rossi (+0.674), che recupera dalla tredicesima posizione.

Ecco le parole del soddisfatto forlivese, finalmente pronto a partire col piede giusto il campionato:“Siamo molto soddisfatti dei risultati ottenuti nei primi due giorni in Qatar, perché siamo stati sempre molto veloci sia con le gomme nuove che con quelle usate. Peccato che oggi non si sia potuto girare, perché avevamo delle prove importanti da fare in previsione della gara e volevamo raccogliere ancora altri dati, ma la pioggia non ha reso possibile scendere in pista. Comunque partiamo per la stagione molto soddisfatti del lavoro svolto con la nuova GP15, che qui in Qatar è andata subito molto bene. Credo che potremo dire la nostra in gara, e sicuramente siamo più concreti dello scorso anno. Voglio ringraziare la mia squadra e tutti i ragazzi di Ducati Corse perché hanno lavorato davvero tantissimo e molto bene!”

MotoGp-Test-Quatar-2015-26

Ducati non è solo Dovizioso, a dar fastidio al campione del mondo in carica ci pensa anche l’altro Andrea.“Sono molto contento per come è andata la giornata di oggi, sicuramente è stata una sessione positiva perché ho migliorato un poco il mio miglior tempo ma soprattutto ci siamo concentrati sul passo di gara per provare a migliorare questo aspetto, che per noi fino all’anno scorso era un po’ critico – ha detto Andrea Iannone – Abbiamo ottenuto molte indicazioni utili, soprattutto dal punto di vista elettronico e domani proveremo anche a fare una simulazione sull’ intera distanza di gara.”

Yamaha è in leggero ritardo sulla messa a punto, Lorenzo lancia infatti subito l’allarme sul fatto che si è partiti con uno svantaggio netto: “Non abbiamo ancora trovato il set-up, siamo un po’ lontani dai più veloci che in questo momento sono le Ducati e Marquez. Abbiamo pianificato di fare tante modifiche nel set-up, ma non abbiamo potuto e ora dovremo aspettare due settimane.”

Rossi dal canto suo vede il bicchiere mezzo pieno avendo recuperato abbastanza in fretta uno svantaggio, sulle prime, ancora maggiore: “possiamo fare un bilancio positivo di questi test. I test pre-season sono stati positivi. La moto è migliorata rispetto allo scorso anno e questa è la cosa più importante. Sarà una buona stagione. Ci sono molti piloti che saranno veloci e per stare al passo dovremmo essere al 100%. In questo ci aiuterà il nuovo cambio (full seamless, ndr). Funziona bene e questo aiuta molto in frenata. Non è un enorme vantaggio ma è un vantaggio. Ho molta voglia di iniziare questa stagione. I ragazzi sono entusiasti e siamo tutti impazienti di iniziare questo campionato. A dispetto di questa giornata persa posso dire che siamo pronti a partire! “

MotoGp-Test-Quatar-2015-4

Le due Ducati spaventano gli avversari, tanto che sia Rossi che Marquez lamentano in qualche modo un vantaggio notevole di gomme della casa di Borgo panigale che sembra già di per se veloce. C’è da dire che il regolamento è elastico, ovvero bastano tre vittorie sull’ asciutto per perdere la possibilità di utilizzo della gomma morbida e In caso di un successo la capacità del serbatoio passa da 24 a 22 litri. Inoltre si deve rimarcare che anche Suzuki ed Aprilia godono dei medesimi vantaggi della classe open ma non sembra abbiano ancora trovato il modo di avvantaggiarsi sulle moto della concorrenza.

La presenza della pioggia battente durante il Day 3 ci ha tolto la possibilità di capire quanto le rosse siano avanti anche sul passo e dove siano anche le altre moto come passo di gara. Questo forse rende ancora più enusiasmante l’esordio della MotoGP 2015 perchè sembrano rimescolarsi un po’ le carte in tavola ed i valori dovranno venir fuori nuovamente, a suon di sorpassi e giri veloci, insomma come piace a noi.
Non siete d’accordo?

Classifica Day 2:

1 DOVIZIOSO, Andrea | Ducati Team | 1:54.907 | | | 33 / 38 |
2 MARQUEZ,Marc | Repsol Honda Team | 1:55.091 | 0.184 | 0.184 | 27 / 54 |
3 IANNONE, Andrea | Ducati Team | 1:55.104 | 0.197 | 0.013 | 16 / 46 |
4 LORENZO, Jorge | Movistar Yamaha MotoGP | 1:55.500 | 0.593 | 0.396 | 15 / 51 |
5 ROSSI, Valentino | Movistar Yamaha MotoGP | 1:55.581 | 0.674 | 0.081 | 50 / 61
6 PEDROSA, Dani | Repsol Honda Team | 1:55.582 | 0.675 | 0.001 | 22 / 40 |
7 CRUTCHLOW, Cal | CWM LCR Honda | 1:55.624 | 0.717 | 0.042 | 40 / 42 |
8 SMITH, Bradley | Monster Yamaha Tech 3 | 1:55.648 | 0.741 | 0.024 | 13 / 49 |
9 ESPARGARO, Pol | Monster Yamaha Tech 3 | 1:55.658 | 0.751 | 0.010 | 29 / 46 |
10 ABRAHAM, Karel | AB Motoracing | 1:55.765 | 0.858 | 0.107 | 38 / 41 |
11 HERNANDEZ, Yonny | Pramac Racing | 1:55.772 | 0.865 | 0.007 | 13 / 33 |
12 ESPARGARO, Aleix | Team Suzuki Ecstar | 1:55.795 | 0.888 | 0.023 | 22 / 33 |
13 REDDING, Scott | Estrella Galicia 0.0 Marc VDS | 1:55.803 | 0.896 | 0.008 | 50 / 60
14 VIÑALES, Maverick | Team Suzuki Ecstar | 1:55.810 | 0.903 | 0.007 | 31 / 42 |
15 BARBERA, Hector | Avintia Racing | 1:56.058 | 1.151 | 0.248 | 20 / 50 |
16 HAYDEN, Nicky | Drive M7 Aspar | 1:56.104 | 1.197 | 0.046 | 40 / 44 |
17 DI MEGLIO, Mike | Avintia Racing | 1:56.259 | 1.352 | 0.155 | 40 / 53 |
18 LAVERTY, Eugene | Drive M7 Aspar | 1:56.342 | 1.435 | 0.083 | 25 / 54 |
19 PIRRO, Michele | Ducati Test Team | 1:56.476 | 1.569 | 0.134 | 30 / 32 |
20 BRADL, Stefan | Athina Forward Racing | 1:56.724 | 1.817 | 0.248 | 4 / 17 |
21 MILLER, Jack | CWM LCR Honda | 1:56.758 | 1.851 | 0.034 | 47 / 50 |
22 PETRUCCI, Danilo | Pramac Racing | 1:56.762 | 1.855 | 0.004 | 9 / 32 |
23 BAZ, Loris | Athina Forward Racing | 1:56.936 | 2.029 | 0.174 | 8 / 40 |
24 BAUTISTA, Alvaro | Aprilia Racing Team Gresini | 1:57.273 | 2.366 | 0.337 | 36 / 46
25 DE ANGELIS, Alex | Octo Ioda Racing Team | 1:57.390 | 2.483 | 0.117 | 25 / 45 |
26 MELANDRI, Marco | Aprilia Racing Team Gresini | 1:57.982 | 3.075 | 0.592 | 14 / 23

Mauro Di Mise

Motociclista da sempre, cresciuto a super e due tempi. Amo i motori belli con un suono appagante, ma sono anche attratto dalle nuove tecnologie.


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi