Porsche Winter Marathon

Porsche alla Winter Marathon

Porsche Italia partecipa alla Winter Marathon con una 2.7 Carrera del 1973 e con una 356 A Speedster del 56

Porsche Winter Marathon

La Winter Marathon è tra le più impegnative gare della specialità. Il percorso complessivo (si guida per 12 ore e in gran parte di notte con la difficoltà di 45 prove cronometrate) è lungo 427 chilometri, si sviluppa attraverso le strade più belle del Trentino Alto Adige e valica numerosi passi dolomitici, di cui 4 oltre i 2.000 metri di altitudine. Le vetture al via sono 120 tutte prodotte entro il 1968, con l’aggiunta di alcuni modelli costruiti sino al 1976 che hanno fatto al storia dei rallies negli Anni 70, come le Porsche 911. Proprio Porsche è nuovamente il Marchio più rappresentato con circa un terzo delle vetture partecipanti.

Al via anche gli equipaggi ufficiali di Porsche Italia. In particolare la RS 2,7 Carrera del 1973 è affidata a Felix Bräutigam (Vice Presidente Regione Europa di Porsche AG) e a Pietro Innocenti (Direttore Generale di Porsche Italia). La RS 2,7 è la prima 911 con l’aggiunta del nome “Carrera” e contemporaneamente la prima 911 con pneumatici di dimensioni diverse per l’asse anteriore e quello posteriore. La clientela rimase subito entusiasta di quest’auto da 210 CV (154 kW), il cui peso è di 1.075 kg che raggiunge una velocità di 245 km/h. Inizialmente era stata prevista solo una serie da 500 per l’omologazione come auto da corsa, ma poi Porsche vendette oltre 1.500 esemplari di questa super sportiva. Nell’East African Safari Rallye del 1973 e 1974, la RS 2.7 manca solo per poco la vittoria assoluta e si piazza seconda. Nel 1974 alcuni piloti Porsche vincono il campionato tedesco di rally con la RS 2.7.

L’altra vettura iscritta da Porsche Italia è la 356 A Speedster del 1956 che ospita una giornalista inviata di Repubblica.it. Il Centro Porsche Brescia, sponsor della manifestazione, partecipa con una 911 S del 1968 il cui equipaggio è composto da Biagio Capolupo e Beatrice Saottini.

Porsche Italia che ha inoltre istituito un premio speciale che verrà assegnato al miglior equipaggio Porsche della classifica assoluta, ancora una volta è quindi al fianco di chi pratica collezionismo attivo sia per dialogare con i singoli appassionati, sia per promuovere il reparto Classic (in Casa Madre è operativo dal 1977) che anche in Italia è in grado di fornire servizi ad hoc per i collezionisti: dal recupero delle notizie utili per il restauro o il mantenimento della propria automobile alla richiesta di certificazioni

Paolo Morandi

Da sempre amante di motori e web. Le quattro ruote le preferisco classiche piccole, veloci e possibilmente inglesi.


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi