Opel: Fari intelligenti a matrice che non abbagliano

27/04/2012
1.377 Views
opel-fari-intelligenti

Opel rende più sicura, rilassante e comoda la guida notturna, ha elaborato un sistema rivoluzionario di illuminazione anteriore adattabile (adaptive forward lighting, AFL), i fari intelligenti a matrice.

Finora il sistema AFL di Opel si è basato sul movimento di parti meccaniche. La funzione di illuminazione dinamica delle curve è caratterizzata dal movimento dei fari anteriori che proiettano il fascio luminoso a un angolo di +/- 15 gradi e che sono in grado di illuminare le curve fino al 90 per cento. La seconda funzione principale, la “cornering light”, garantisce un angolo di illuminazione molto ampio per gli incroci o le curve strette con l’aiuto di un riflettore aggiuntivo che consente a chi guida di guardare nella direzione verso cui intende girare.

Il nuovo faro a matrice offre tutti i vantaggi dei sistemi AFL senza avere alcun elemento meccanico in movimento. Il nuovo sistema si basa esclusivamente su luci a LED, che si accendono o si spengono secondo numerose combinazioni diverse, a seconda della situazione. La regolazione del faro è più rapida rispetto a qualsiasi altra soluzione che si affidi al guidatore o consti di elementi meccanici in movimento.

I fari a matrice di LED elaborano le informazioni inviate dai sensori dell’Opel Eye, la telecamera anteriore che si trova tra il parabrezza e lo specchietto retrovisore, che rilevano fonti luminose provenienti dal traffico che precede o che procede in direzione opposta. I fari abbaglianti sul lato del traffico proveniente dalla direzione opposta o che precede vengono automaticamente ridotti, mentre i fari sull’altro lato restano accesi.

I nuovi fari a matrice mandano in pensione i fari anabbaglianti visto che con il nuovo sistema il faro abbagliante non infastidisce mai gli altri utenti e viene adattato automaticamente in base alla situazione del traffico.

Il nuovo sistema di fari a matrice verrà montato su tutti i modelli Opel, i prototipi sono in fase di test.

Stefano Lombardi

Due ruote qualche curva e ci si dimentica tutto. In sella ad una moto i problemi non esistono sempre che non sei in mezzo al traffico.


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi