Alfa Romeo Giulietta MY2014

Alfa Romeo Giulietta a MiTo: disponibili nuovi motori

Due nuove motorizzazioni per Giulietta e MiTo: il nuovo 2.0 JTDM da 175 cavalli per la prima e il nuovo 1.4 Multiair Turbobenzina da 140 cavalli per la seconda.
22/02/2014
2.239 Views
alfa-romeo-giulietta-my2014-tre-quarti

Alfa Romeo Giulietta MY2014 e MiTo MY2014 – I futuri clienti di Alfa Romeo Giulietta e MiTo MY2014 potranno scegliere delle nuove motorizzazioni.

Su Giulietta debutta il nuovo 2.0 JTDM da 175 cavalli, motore elastico, che offre una buona coppia a bassi regimi, in grado di spingere la vettura i 219 Km/h e a farle raggiungere i 100 in meno di 8 secondi, con consumi di 4,4 l/100km ed emissioni di 116 g /km di CO2 (nel ciclo combinato). Peculiarità del 2.0 JTDM 2 è senza dubbio il sistema d’iniezione Common Rail di terza generazione, che utilizza iniettori innovativi capaci di controllare con grande precisione, grazie alla servovalvola idraulica bilanciata, la quantità di gasolio iniettata in camera di combustione con una sequenza di iniezioni particolarmente rapida e flessibile.

alfa-romeo-mito-my2014-tre-quarti

MiTo “guadagna” il nuovo 1.4 Multiair Turbobenzina da 140 cavalli TCT che offre ottime prestazioni: velocità massima 209 km/h e accelerazione 0-100 Km/h in soli 8,1 secondi. Il tutto a fronte di emissioni e consumi contenuti: nel ciclo combinato, i dati sono rispettivamente 5,4 l/100Km e 124 g/km di CO2. Cuore del MultiAir è il nuovo sistema elettro-idraulico di gestione delle valvole che permette di ridurre i consumi (grazie ad un controllo diretto dell’aria mediante le valvole di aspirazione del motore, senza l’utilizzo della farfalla) e le emissioni inquinanti (merito del controllo della combustione). Inoltre, emblema del concetto di “downsizing”, il Multiair è una tecnologia versatile, facilmente applicabile a tutti i motori a benzina. Come dimostra il nuovo 0,9 TwinAir da 105 CV che ha debuttato di recente sulla nuova MiTo Model Year 2014.

Entrambe i motori sono abbinati al nuovo cambio automatico e sequenziale Alfa Romeo TCT, composto da due trasmissioni in parallelo: le marce pari e quelle dispari vengono innestate su un diverso albero primario collegato ciascuno alla propria frizione, che offre un massimo comfort ed un ottimo feeling sportivo.

Paolo Morandi

Da sempre amante di motori e web. Le quattro ruote le preferisco classiche piccole, veloci e possibilmente inglesi.


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi