Volkswagen regala una Ducati 1199 Panigale S “Senna” a Sebastien Ogier

Volkswagen celebra il secondo titolo iridato Mondiale Rally di Sebastien Ogier regalandogli una Ducati 1199 Panigale S “Senna”
22/11/2014
2.618 Views
Ducati-1199-Panigale-S-Senna-Sebastien-Ogier-2

Per celebrare la vittoria del secondo titolo iridato Mondiale Rally, conquistato al volante della sua Polo R WRC, Volkswagen Motorsport ha voluto regalare a Sebastien Ogier una bellissima ed esclusiva Ducati 1199 S “Senna”.

Una moto esclusiva e particolare, dedicata al Campione di F1 Ayrton Senna, di cui Sebastien Ogier è, da sempre, un grande fan e ammiratore. La consegna è avvenuta direttamente nello stabilimento Ducati di Borgo Panigale, alla presenza di Claudio Domenicali (Amministratore Delegato Ducati Motor Holding) e di Gigi Dall’Igna (Direttore Generale Ducati Corse) che hanno accolto il pilota, accompagnato a sua volta da Jost Capito (Direttore Volkwagen Motorsport) e Sven Smeets (Team Manager Volkswagen WRC). Da Borgo Panigale la moto è stata portata a Wolfsburg dove, alla presenza dei dipendenti e del top management Volkswagen, i piloti e tutto il team WCR sono stati festeggiati per la vittoria del titolo iridato .

Ducati, in accordo con la Fondazione Senna, contribuendo agli scopi benefici ed educativi per cui la Fondazione opera sin dalla sua creazione, ha voluto rinnovare il tributo di riconoscenza e di stima ad uno dei suoi più famosi “ducatisti”, dedicando una speciale livrea alla sua moto più prestigiosa e di riferimento, quale la 1199 Panigale S.

Il colore è lo stesso che Ayrton Senna aveva scelto personalmente durante la sua visita in Ducati, avvenuta qualche settimana prima dell’ultima gara di Imola nel ’94, e utilizzato per le 300 unità della prima versione a lui dedicata, prodotte nel 1995. Si trattava di una 916SP di color grigio con cerchi rossi, la “916 Senna I” che venne commercializzata in soli 300 esemplari. Altre due versioni che seguirono furono la “916 Senna II” e la “916 Senna III”, prodotte e vendute rispettivamente nel 1997 e nel 1998. Tutte e tre le versioni Senna vennero fabbricate in edizione limitata e ancora oggi sono molto rare e ambite dai collezionisti in tutto il mondo.

La moto è caratterizzata dalla speciale colorazione ed è stata realizzata sulla base di una Panigale S. Destinata esclusivamente al mercato brasiliano, e per questo motivo non disponibile in europa ma fatta arrivare espressamente dal Brasile, è stata in serie limitata e numerata di 161 esemplari (il numero dei GP disputati in F1 da Senna), con numerazione progressiva incisa su un’inedita testa di sterzo, caratterizzata da uno speciale design. Ogier ha ricevuto la moto numero 16, in ricordo della prima vittoria in F1 di Senna (GP Portogallo – John Player Special Lotus – 1985).

“Ayrton Senna, per me, resta il più grande eroe del motorsport – ha detto Sebastien Ogier alla consegna della moto – Il mio idolo come pilota. Mio padre era un suo grande ammiratore e, quando ero ancora un bambino, mi portò a Montecarlo a vederlo gareggiare. Era il migliore, veloce con ogni auto e determinato a non mollare mai. Sarebbe stato fantastico averlo potuto incontrare e conoscerlo, ma resta comunque un esempio e uno stimolo per me. Questa Ducati 1199 Panigale “Senna” è un regalo fantastico. Sono molto grato a Volkswagen, sia per la moto che per il significato che questa ha per me, essendo io un grande ammiratore di Ayrton. Questo modello avrà sicuramente un posto d’onore nella mia casa. In Ducati sono stati bravissimi. E un oggetto talmente bello ed evocativo che è quasi un peccato metterla su strada, probabilmente la terrò in salotto. E molto bello che la moto sia la numero 16, in ricordo della sua prima vittoria in Formula 1. Fu in Portogallo, proprio dove io ho vinto il primo WRC Rally della mia carriera. ”

La cerimonia è stata anche l’occasione per Ogier per visitare la fabbrica e il reparto corse Ducati, e salutare dipendenti e tecnici dello stabilimento di Borgo Panigale, che lo hanno accolto con entusiasmo.

fonte: comunicato Ducati

Stefano Lombardi

Due ruote qualche curva e ci si dimentica tutto. In sella ad una moto i problemi non esistono sempre che non sei in mezzo al traffico.


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi